Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e Deputato di Forza Italia

“Le misure di liberalizzazione previste nel decreto Bersani sono di per sé stesse positive e – pur in attesa di dettagli e con qualche doverosa critica – come tali andrebbero considerate dal centrodestra che ha nella libertà economica e nella riduzione del carico fiscale uno dei connotati principali. Sarebbe infatti singolare che proprio la Cdl si erigesse a baluardo delle corporazioni che lucrano posizioni di rendita ai danni dei consumatori e degli utenti; anche dal punto di vista elettorale rischierebbe di rivelarsi sbagliato: non sarà certo diventando il partito dei tassisti e dei notai che si potrà competere con un centrosinistra legato a doppio filo alla trimurti sindacale, alle cooperative e alle grandi banche. Dal considerare positive le misure e dall’auspicarne un ulteriore miglioramento all’appoggio e al voto positivi in Parlamento, però ce ne corre, non solo per il ricorso alla decretazione d’urgenza del tutto ingiustificato in casi come questo, ma anche per il contesto di politica economica e fiscale del governo Prodi in cui le liberalizzazioni verranno annegate.