Decreto Bersani: L’ok di Della Vedova, ma aspettiamo il resto

Giudizio sarà su tutto: pensioni, infrastrutture, lavoro(ANSA)

ROMA, 1 LUG – Una ‘adesione incondizionata’ alle misure previste nel decreto Bersani sulle liberalizzazioni, ma anche cautela sul giudizio complessivo dell’operato del governo che dipenderà dalle decisioni in materia di infrastrutture, mercato del lavoro e pensioni. E’ questo il commento di Benedetto Della Vedova, parlamentare dei Riformatori Liberali, alle misure messe a punto ieri dal governo.
‘Ritengo che, pur con eventuali successivi aggiustamenti, si tratti di misure doverose, utili per aumentare la concorrenza e che porteranno benefici non solo per i consumatori ma anche per gli imprenditori’, ha detto Della Vedova.
‘Sono misure importanti che sono state rinviate per troppo tempo’, ha aggiunto il parlamentare del centrodestra.
‘Sarebbe tuttavia paradossale – ha ammonito – che accanto ad un passo avanti così positivo si facessero passi indietro sul mercato del lavoro, della previdenza e delle infrastrutture’.
Su questi temi, infatti Della Vedova vede il rischio che la maggioranza ‘torni indietro’ rispetto ai passi avanti del governo del centrodestra.
Per questo, ha concluso Della Vedova, ‘la Cdl deve appoggiare queste misure, ma allo stesso tempo deve riservarsi un giudizio più complessivo alla luce delle decisioni che la maggioranza prenderà sulle altre questioni economiche: se vi fosse una marcia indietro in questi settori, infatti, il giudizio non potrebbe che essere negativo’. (ANSA).


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.