Taradash:”Un governo amico dei regimi autocratici e teocratici”.

“Perché far cadere subito l’ipotesi del sottosegretario Vernetti di proporre l’ingresso di Israele nella Nato? Passi finché a dire no sono i gruppi della sinistra antagonista e un sottosegretario ccome Bobo Craxi che, per mascherare il suo pregiudizio antiisraeliano, riduce la politica estera a semplice rapporto di forze in campo, come se la caduta dell’impero sovietico prima, il deflagrare del terrorismo islamico poi, non avessero drammaticamente messo fuori gioco la teoria classica dell’equilibrio delle forze. Ma quando è lo stesso ministro degli Esteri D’Alema a troncare sul nascere la discussione con argomenti di realismo spicciolo, nasce il sospetto che effettivamente la politica estera italiana abbia abbandonato qualsiasi ipotesi di disseminazione dei principi democratici nei paesi a regime autocratico o teocratico. Il primo passo di cordiale non interferenza è stato compiuto qualche giorno fa verso l’Iran. Ora la strizzata d’occhio rivolta al governo palestinese. Siamo di fronte a inaccettabili passi indietro. Noi riteniamo invece che la proposta Vernetti, finalmente una voce fuori dal coro, debba essere raccolta con interesse e quanto meno sottoposta al giudizio della Nato e del governo israeliano


Comments are closed.