Referendum/ Partita: Della Vedova, Amato non risponde, ma i problemi restano

Ma il ministro degli interni la partita la guarderà?

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, Tesoriere del Comitato del Sì per la Libertà:
“Non possiamo che prendere atto con rammarico della mancata risposta del Ministro degli Interni Giuliano Amato alla nostra richiesta di considerare l’opportunità di procrastinare – se necessario anche con un intervento di tipo legislativo- alle ore 20 di lunedì l’inizio dello spoglio delle schede referendarie, onde impedirne la sovrapposizione con la partita della nazionale di calcio. La burocratica risposta giunta dal ministero a proposito di una sollecitazione ai Prefetti perché verifichino che lo spoglio si svolga secondo la legge risulta, oltreché, del tutto pleonastica e inadeguata ad affrontare i problemi, che restano.
E che sono: il rischio che le operazioni di scrutinio vengano concluse frettolosamente per dare modo ai componenti del saggio di assistere successivamente alla partita, la necessità che non ci siano “defezioni” tra i componenti del seggio e evitare la presenza nei seggi di televisori o radio sintonizzate sulla partita durante le operazioni di spoglio.
Sarà nostra cura verificare la infondatezza di queste preoccupazioni, se invece però dovessimo riscontrare che i problemi, da noi per tempo segnalati circa la regolarità formale e sostanziale, legate alla visione della partita, delle operazioni di scrutinio, dovessero manifestarsi, non mancheremo di segnalarlo al Ministro Giuliano Amato e soprattutto alle autorità competenti.
Nel frattempo non possiamo augurare buona visione della partita al Ministro Amato, che ne siamo certi indifferente a supplementari o rigori della nazionale, come le centinaio di migliaia di presidenti di seggio e scrutatori, passerà il pomeriggio di lunedì “blindato” nella sale macchine del Viminale a supervisionare le operazioni di scrutinio. Perché, lei, caro Ministro, la partita non la guarderà. O Sì?”


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.