De Pacsibus disputandum est

Marco Taradash risponde sul Riformista di domani alla lettera di Luigi Castaldi pubblicata sabato dal quotidiano arancione:

Caro direttore, Luigi Castaldi attraverso il suo giornale pone a me e ai Riformatori Liberali, ricordando la mia posizione sui Pacs (uno strumento eccezionale da offrire soltanto alle coppie, omosessuali o eterosessuali, che non hanno accesso al matrimonio) una domanda: ci sono molte coppie eterosessuali che, pur potendo, non vogliono sposarsi, però vogliono che il loro rapporto sia riconosciuto dallo Stato; che facciamo – scrive – “diciamo loro: allora niente Pacs, o vi sposate o niente


Comments are closed.