Le parole del Ministro Damiano su pensioni e lavoro preludono ad una restaurazione, nel merito e nel metodo, della concertazione degli anni novanta.
Per qualcuno la concertazione ha contribuito a “salvare” il paese e a “portarlo in Europa”. Crediamo invece che la concertazione e soprattutto l’abnorme potere di interdizione assegnato al sindacato in quella stagione sia una delle cause principali delle difficoltà in cui versa oggi l’economia italiana.
Rimettere in discussione la Legge Biagi e la Riforma delle pensioni, sotto dettatura del sindacato e nella direzione da esso pretesa, finirebbe per mettere a rischio la ripresa in atto, anche creando un clima di diffidenza da parte degli investitori.