Quirinale: Della Vedova, dimostri ora di saper essere Presidente di tutti

PERSA OCCASIONE PER FARE I CONTI CON LA STORIA DELLA SINISTRA ITALIANA

Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, Presidente dei Riformatori Liberali e Deputato di Forza Italia

Giorgio Napolitano è ora chiamato a dare seguito al suo impegno solenne assunto nel finale del suo discorso di insediamento alla carica di Presidente della Repubblica, a non essere solo il Presidente della maggioranza che lo ha eletto.

Il suo discorso, però, ha affrontato temi generali e che non pertengono alla dimensione istituzionale ma a quella squisitamente politico-parlamentare secondo una visione, in termini di priorità e di analisi, del tutto interna alla sinistra italiana.

Ci saremmo aspettati, proprio da lui, un accenno al grave errore storico del sostegno al comunismo realizzato che la parte maggioritaria della sinistra italiana, e lui in prima persona, hanno troppo a lungo propugnato e comunque non condannato. Sarebbe stato sufficiente, ad esempio, ricordare che i nuovi paesi comunitari dell’Europa orientale, hanno raggiunto la comunità dei paesi liberi e democratici solo in virtù dell’essersi liberati dal giogo comunista. Un occasione mancata per fare, davvero, i conti con la storia di questo paese.


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.