Rassegna Conferenza Stampa Amministrative di Torino

TORINO: I RIFORMATORI LIBERALI RADICALI CON FORZA ITALIA PER LE AMMINISTRATIVE
Torino, 3 mag. – (Adnkronos) – ‘L’apporto dei Radicali all’interno del nostro partito è un segnale importante per tutto il mondo liberale e laico che crede nei valori del centrodestra e soprattutto di Forza Italia’. Con queste parole, Guido Crosetto, coordinatore regionale di Forza Italia, ha aperto l’incontro di presentazione dei Riformatori liberali radicali, tenutosi oggi a Torino alla presenza di Emilia Rossi, Marco Taradash e Benedetto Della Vedova. Emilia Rossi è candidata al Comune alle prossime elezioni del 28 e 29 maggio.

‘La nostra è una città laboratorio -ha dichiarato- anche qui dobbiamo difendere i valori occidentali, la nostra storia e la nostra cultura. Chiediamo più mercato e meno protettorati che, dopo 30 anni di governo della sinistra, a Torino sono più presenti che mai. Ci vogliono soluzioni liberali e condivise e il centrodestra è l’unica casa nella quale queste possono essere valorizzate’.

Emilia Rossi, nella lista di Forza Italia, appoggerà il candidato sindaco Rocco Buttiglione. ‘Noi saremo attenti e vigili -ha proseguito Emilia Rossi- nel difendere anche le libertà individuali e i diritti civili. In questo saremo molto rigorosi nel richiamare il candidato sindaco Buttiglione alla distinzione che ha fatto lui stesso tra la coscienza etica e la pratica politica. Staremo bene attenti che non faccia confusione, siamo il contrappeso liberale che va ad integrare la complessità delle anime che compongono in maniera armonica la coalizione in cui ci troviamo’. Riguardo alla polemica con la Rosa nel pugno, lista che appoggia il sindaco uscente Sergio Chiamparino, Emilia Rossi ha aggiunto: ‘Capezzone ha parlato di Buttiglione come oscurantista, contrapposto al sindaco Chiamparino campione di laicità. Capezzone non sa che Torino è molto complessa, non è la città laica per eccellenza ma una città cattolica segnata da una tradizione contraddittoria rispetto ai valori di cui parla, tanto è vero che la Chiesa si è unita molte volte per governare la città’.

Secondo Marco Taradash ‘in questi anni Torino ha fatto passi avanti, ma adesso ha bisogno di ulteriori affermazioni. Deve finalmente diventare protagonista in Italia e in Europa. La politica del centrodestra, che ha rifiutato l’assistenzialismo alla Fiat, ha aiutato l’azienda a risorgere, con aiuti mirati e senza finanzimenti a fondo perduto’.

Benedetto Della Vedova ha aggiunto ‘consiglio Buttiglione di prendere atto che la campagna elettorale vincente di Silvio Berlusconi è stata fatta non solo all’insegna dei valori ma anche delle cose che più concretamente interessano alle persone, come le tasse e il lavoro. Buttiglione è una persona accorta, ma se fossi in lui farei una campagna sulla Tav e sulle periferie, sul dopo Olimpiadi, dando per acquisito tutto il resto. Quanto alla Rosa nel pugno, devo dire che Prodi non l’ha trattata molto bene. Vedremo se Chiamparino farà altrettanto a livello torinese’.

(Chf/Gs/Adnkronos) 03-MAG-06 18:49

Da Il Giornale del Piemonte, del 4.5.2006
Marco Taradash: “Basta regali alle aziende poco competitive”. I riformatori liberali presentano le loro richieste programmatiche a Buttiglione

Da Torino Cronaca, del 4.5.2006

“Siamo il contrappeso necessario a Buttiglione”. Emilia Rossi dei Riformatori liberali è la numero tre nella lista di Forza Italia per il Comune

Da “La Stampa” del 4.5.2006

Buttiglione apre al Cinema Gay e Ghiglia s’infuria. Emilia una radicale azzurra. In lista con Forza Italia Taradash ha presentato la candidata Rossi.

Da La Repubblica, ed. Torino del 4.5.2006, p. 2

“Rocco, rimpatriata dc all’auditorium”


Comments are closed.