O Sole Mio

di Marco Taradash

Leggiamo sul Riformista che il 51% dell’energia prodotta in America viene oggi dal carbone. Nel Regno Unito la percentuale è del 33%. Nel sottosuolo Usa sono stati individuati giacimenti di carbone capaci di soddisfare i consumi dei prossimi 250 anni. America e Inghilterra hanno cospicue risorse domestiche di petrolio e di gas. L’Italia, che non ha nulla del genere, e non ha centrali nucleari, produce dal carbone il 16% dell’energia totale, contro il 72% ricavato dagli idrocarburi acquistati a caro prezzo. Eppure, appena insediatasi nel Lazio la giunta di centrosinistra guidata da Marrazzo, è stata bloccata la costruzione della centrale a carbone di Civitavecchia, su cui l’Enel ha investito 1,5 miliardi di euro. Tanto per non sbagliare qualche mese prima, appena insediatasi in Puglia la giunta di centrosinistra guidata da Vendola, era stata bloccata la costruzione del rigassificatore di Brindisi, che potrebbe garantire scorte di gas in caso di crisi internazionali. Marrazzo è della Margherita, Vendola di Rifondazione Comunista. In Italia servono centrali, a carbone e nucleari. Se non si possono fare le prime, figuriamoci le seconde. Esiste una terza via? O Sole Mio? Il Presidente del Consiglio incaricando può informarci di quale sarà la sua politica energetica?


Comments are closed.