Pensioni: Della Vedova, Bertinotti e sindacato vogliono affossare la riforma

Abolizione del “gradone” proposta irresponsabile: Prodi, Fassino e Rutelli sono d’accordo?
Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, Presidente dei Riformatori Liberali – Radicali per le Libertà
A dieci giorni dalle elezioni Bertinotti e il sindacato filoprodiano alzano il tiro contro la riforma delle pensioni varata dal Governo Berlusconi chiedendo la cancellazione del “gradone”, cioè l’aumento dell’età di pensionamento da 57 a 60 anni previsto nel 2008. Si tratterebbe, nel caso, di un vero e proprio affossamento della riforma previdenziale stessa.
La cancellazione del “gradone” sarebbe una misura punitiva nei confronti delle giovani generazioni e irresponsabile per quanto riguarda i conti pubblici. Prodi, Fassino e Rutelli concordano con la proposta di Bertinotti e del sindacato


Autore: Benedetto Della Vedova

Nato a Sondrio nel 1962, laureato alla Bocconi, economista, è stato ricercatore presso l’Istituto per l’Economia delle fonti di energia e presso l’Istituto di ricerca della Regione Lombardia. Ha scritto per il Sole24Ore, Corriere Economia, Giornale e Foglio. Dirigente e deputato europeo radicale, è stato Presidente dei Riformatori Liberali. Presidente di Libertiamo, è stato capogruppo di Futuro e Libertà per l'Italia alla Camera dei Deputati. Attualmente, è senatore di Scelta Civica per l'Italia.

Comments are closed.