Radio: da sabato “settanta in due”, nuovo programma Capezzone-Adinolfi

Parte sabato mattina alle 9.05 dalle frequenze di Radio Città Futura "Settanta in due – chiamata per generazioni assenti", programma ideato e condotto da Mario Adinolfi con Daniele Capezzone. Un’inedita coppia di trentenni, entrambi nati negli Anni Settanta, provenienti da esperienze opposte: formazione cattolica quella di Adinolfi, arcinota la militanza radicale di Capezzone, da cinque anni segretario nazionale dei Radicali italiani. In comune Capezzone e Adinolfi hanno un lungo periodo di studio negli istituti romani dei Fratelli delle Scuole Cristiane. E proprio a quegli anni di formazione scolastica farà riferimento la colonna sonora della trasmissione, una sorta di revival Anni Ottanta che sarà sottofondo a questo programma "outspoken", che chiamerà a raccolta la "generazione invisibile": i trentenni che ancora non ricoprono ruoli di seria responsabilità, che non vanno via da casa, che cullano la nostalgia per la Roma di Falcao e la Juve di Platini, per la dicotomia Duran Duran-Spandau Ballet, che affollano le sale appena esce un remake o un sequel dei film più trash di Thomas Milian e Diego Abatantuono. A far da guida, due tra gli esponenti più in vista delle generazione invisibile: Daniele Capezzone, l’unico trentenne ad aver raggiunto un ruolo guida in politica; Mario Adinolfi, guru dei media indipendenti all’intersezione tra blog, carta stampata, radio e tv. Sabato 4 febbraio alle 9.05 la prima puntata, in diretta, dagli studi di Radio Città Futura in Roma, piazza del Gesù 47. Al termine della trasmissione, alle 10, Capezzone e Adinolfi incontreranno giornalisti e fotografi per una breve conferenza stampa di presentazione di "Settanta in due".


Comments are closed.