Rivedere disciplina contratti collettivi nazionali
Dichiarazione di Benedetto Della Vedova, Presidente dei Riformatori Liberali

“Ci aspettiamo da Epifani, Angeletti e Pezzotta una condanna rigorosa dei blocchi stradali effettuati dai metalmeccanici. Non è tollerabile oltre che una vertenza contrattuale finisca per divenire una questione di ordine pubblico, anche perché, se questi episodi non venissero condannati e impediti dalle forze dell’ordine, il rischio è di assistere ad una pericolosa escalation di illegalità.

La comprensione del malessere dei lavoratori in attesa di contratto non può divenire indulgenza nei confronti di comportamenti illegali e fonte di danno per tutti.

Le difficoltà di questi giorni dimostrano quanto sia urgente rivedere la disciplina dei Contratti Collettivi Nazionali, retaggio di un sistema che non c’è più. Occorre rompere il tabù dei contratti nazionali ampliando la libertà contrattuale, consentendo una contrattazione differenziata sul piano territoriale e di settore, ampliando il ruolo dei contratti aziendali ed individuali. Sono proprio le rigidità e l’anacronistico desiderio di uniformità dell’attuale meccanismo a costituire il principale ostacolo ad una soluzione positiva della vertenza.”