“Perchè non sono un conservatore” di F. H. Von Hayek

Di Enrico Gagliardi

Un saggio bellissimo: uno dei tanti di Hayek; uno di quelli che permettono di capire quanto sia ancora attuale il messaggio e le teorie di questo grandissimo personaggio. Il tema principale del libro è sempre quello che percorre la maggior parte delle opere di questo autore:la natura del pensiero liberale, la sua profonda differenza con quello socialista e conservatore dal punto di vista della politica economica, di quella del lavoro e di molte altre cose. L’opera in questione è divisa in due piccoli capitoli nei quali Hayek spiega in maniera dettagliata i motivi per cui un vero liberale non può dirsi nè socialista nè (ancora di più) conservatore:addirittura il premio Nobel per l’economia spiega come spesso storicamente queste due ideologie si siano invece paradossalmente accompagnate insieme a scapito proprio del pensiero liberale. Notevoli anche le citazioni storiche che vengono continuamente fatte durante tutto il saggio. In un momento storico come quello attuale, caratterizzato dall’assenza quasi totale di una sana mentalità liberale, leggere saggi del genere fa bene al cuore ma soprattutto alla mente.


Comments are closed.