Italia ripetente

di Valeria Manieri

Dopo un’estate piena di terremoti finanziari,commedie dell’assurdo,gossip da riso amaro -altro che dolce vita-,rientriamo nelle nostre abitazioni,con la certezza che anche quest’anno non cambierà un bel niente. Neppure gli scrosci d’acqua e qualche temporale di fine estate riescono a cambiar aria davvero. E mentre dai giornali internazionali,internet ,ci aggiornano sull’uragano Katrina,e ci rendiamo conto che altrove e negli states il vento cambia per molto meno e la giustizia certo non sarà più giusta ma almeno c’è meno connivenza con le truffe di stato,c’è ancora chi tenta di difendere in Italia il Fazio sciagurato. Sui settimanali e i quotidiani ci informano delle tresche tra l’ex ministro Urbani e la produttrice-attrice Ida De Benedetti,ci raccontano del vero amore tra Ricucci e la Falchi,si dedicano editoriali su il Foglio a difender la Ferilli dalle corna del marito e io nel profondo sud mi godo l’ultimo tiepido sole di questa stagione da dimenticare…e mentre chiacchiero con conoscenti del più e del meno,mi rendo davvero conto che della politica io non ho mai capito niente.. Se io attendo di rimetter con ansia il rennino e il maglione c’è chi si attende ad aprile o maggio che s’aggiustino "tutte’ e ccose"…per uno stozzo di terra in più, per un nuovo business da intraprendere…basta un amico in senato e l’altro al parlamento. Insomma,se certamente non tutti torneranno tra i banchi di scuola,questa Italia invece tornerà in classe con i compagni di una vita o forse volti nuovi,ma sempre da ripetente. …………………………………………………….. "Italia ripetente." Ma chi è tutta questa gente? Sembrava linda e pinta,invece era fetente. E poi sui soldi tuoi non c’è garante… sei la puttana del parvenu del momento o dei vecchi signori che neanche un tifone smuove. E ti lascian riposare ,nelle chiese,davanti ad un altare,nel colonnato o dentro al parlamento. C’è chi tace e acconsente nel mal costume paesano,chi si frega le mani pregustando il cambio di vento. Aprile o maggio…restiamo a guardare. Ma c’è già settembre e nei palazzi,tra banche e qualche industriale ci si prepara ad un’altra vendemmia da dimenticare. Un’altra generazione ti vedrà stretta stretta tra i suoi banchi… L’hai scelta tu questa pochezza indecente? Una sola cosa è certa:anche quest’ anno lo farai da ripetente.


Comments are closed.