Partecipazione e costituzione: se tutto tace…

"Dunque massima trasparenza, informazioni per noi italiani… è OBBLIGATORIO"

Di Rosalba Forcione

La Costituzione Italiana è espressione della democrazia.
Essa garantisce tutela, diritti e doveri ai cittadini italiani.
Soprattutto essa distribuisce anche i poteri istituzionali, ad esempio quelli
del presidente della repubblica italiana.Ora, ogni variazione della Costituzione, è una variazione dei diritti, doveri e poteri, questo è logico.
In un governo come il nostro dove c’è un’ampia maggioranza, manca
sicuramente una discussione, un dibattito parlamentare che possa tutelare il
cittadino dal sopravvento di una sola parte.
Tutto ciò rende i cittadini estranei alle decisioni così importanti.
Talmente estranei e al di fuori da render ogni divisione del potere mediante la variazione della Costituzione non TRASPARENTE.
Difatti il cittadino si ritroverà così la Costituzione cambiata senza
sapere, senza un dibattito, senza un chiarimento, senza discussione,
senza essere interpellato, informato.
Il cittadino deve al contrario partecipare attivamente ad una discussione tanto importante: è basilare.
Noi cittadini non possiamo essere in balia di governi che a seconda
della loro pozioni cambiano le leggi .
Il cittadino deve essere sicuro che chi cambia la Costituzione sia equo
nella distribuzione dei poteri, e certamente questo governo non lo garantisce e non informa.
Tutto tace.
Si prenda ad esempio la legalità! Che può far un cittadino? Non ha strumenti!
L’unico potere che abbiamo è il referendum. Chi ci dice tuttavia che con la
revisione della Costituzione non ci riducano anche questo chance di una democrazia vera e partecipata, considerato oltretutto
il GRAVE invito dei politici all‘astensione per il prossimo referendum?!?
Dunque massima trasparenza, informazioni per noi italiani è obbligatorio perché ciò significa DEMOCRAZIA.
Manca oggi un vero cambiamento di cui sia protagonista attivo il cittadino.
I cambiamenti purtroppo riguardano solo volontà di cambiamento e ripartizione del potere, tra elites politiche che appaiono lontanissime.
Ecco perché io sono con il comitato x il no di Bruno Tabacci e del comitato per il no di CITTADINANZATTIVA.


Comments are closed.