Dolcenera – L’amore al tempo dell’alluvione

Di Marianna Mascioletti

A proposito di De André. Ho tutta la casa da riordinare, in attesa dei festeggiamenti di stasera, ma non posso fare a meno di scrivere ancora di lui, perché dai miei ricordi è emersa "Dolcenera", risalente all’A.D. 1996, contenuta nell’album "Anime Salve". Questa canzone parla dell’acqua, descrivendone tutti gli aspetti, enumerando in maniera quasi didascalica molti degli archetipi collegati ad essa: la forza distruttrice, la potenza irrefrenabile, la bestialità, la sensualità (non ve ne siete mai accorti? L’acqua è capace di accarezzare, avvolgere, stringere come nessun essere umano riuscirebbe mai a fare), l’insistenza, il freddo, il buio, la morte e la resurrezione. Quanto mai adatta, credo, a commentare gli eventi degli ultimi giorni. Requiem aeternam. Dolcenera (F. De André – I. Fossati) Amiala ch’a l’aria amia cum’a l’è cum’a l’è Amiala cum’a l’aria amia ch’a l’è le’ ch’a l’è le’ Amiala cum’a l’aria amia amia cum’a l’è Amiala ch’a l’aria amia ch’a l’è le’ ch’a l’è le’ * Nera che porta via che porta via la via nera che non si vedeva da una vita intera così dolcenera (nera) nera che picchia forte che butta giu’ le porte nu è l’aegua ch’a’ fa’ baggia’ imbaggia’ imbaggia’ ** nera di malasorte che ammazza e passa oltre nera come la sfortuna che si fa la tana dove non c’è luna (luna) nera di falde amare che passano le bare atru da stramua’ a nu n’a a nu n’a*** Ma la moglie di Anselmo non lo deve sapere che è venuta per me, è arrivata da un’ora e l’amore ha l’amore come solo argomento e il tumulto del cielo ha sbagliato momento acqua che non si aspetta altro che benedetta acqua che porta male sale dalle scale sale senza sale (sale) acqua che spacca il monte che affonda terra e ponte nu è l’aegua de ‘na ramma’ ‘n calaba’ ‘n calaba’ **** ma la moglie di Anselmo sta sognando del mare quando ingorga gli anfratti si ritira e risale e il lenzuolo si gonfia sul cavo dell’onda e la lotta si fa scivolosa e profonda Amiala ch’a l’aria amia cum’a l’è cum’a l’è Amiala cum’a l’aria amia ch’a l’è le’ ch’a l’è le’ acqua di spilli fitti dal cielo e dai soffitti acqua per fotografie per cercare i complici da maledire acqua che stringe i fianchi tonnara di passanti atru da camalla’ a nu n’a a nu n’a***** oltre il muro dei vetri si risveglia la vita che si prende per mano a battaglia finita come fa questo amore che dall’ansia di perdersi ha avuto in un giorno la certezza di aversi acqua che ha fatto sera che adesso si ritira bassa sfila tra la gente come un’innocente che non c’entra niente fredda come un dolore Dolcenera senza cuore atru da rebella’ a nu n’a a nu n’a****** e la moglie di Anselmo sente l’acqua che scende dai vestiti incollati da ogni gelo di pelle nel suo tram scollegato da ogni distanza nel bel mezzo del tempo che adesso le avanza così fu quell’amore dal mancato finale così splendido e vero da potervi ingannare Amiala ch’a l’aria amia cum’a l’e’ cum’a l’e’ Amiala cum’a l’aria amia ch’a l’e’ le’ ch’a l’e’ le’ Amiala cum’a l’aria amia amia cum’a l’e’ Amiala ch’a l’aria amia ch’a l’e’ le’ ch’a l’e’ le’ * ( musicax ) Traduzione dal genovese (parlo savonese!!! ;-) )

*"Guardala che arriva guarda com’è com’è guardala come arriva guarda che è lei che è lei guardala come arriva guarda guarda com’è guardala che arriva che è lei che è lei" **"Non è l’acqua che fa sbadigliare (ma) chiudere porte e finestre chiudere porte e finestre" ***"Altro da traslocare non ne ha non ne ha" ****"Non è l’acqua di un colpo di pioggia (ma) un gran casino un gran casino" *****"Altro da mettersi in spalla non ne ha non ne ha" ******"Altro da trascinare non ne ha, non ne ha"


Comments are closed.