Tutti più buoni…anche in carcere

Beh, visto che a Natale si vuole, si può, si DEVE essere tutti più buoni, tanto vale cercare di fare qualcosa di utile, deve essersi detto l’assessore alle politiche sociali del comune di Roma. E così è nato il "kit del detenuto", che contiene l’indispensabile per cavarsela appena usciti di galera. Rallegra sempre trovare un’isola di civiltà nel mare di…melma della pubblica amministrazione italiana.
Buon Natale
Marianna Mascioletti

22 dic – Quarantotto ore di sopravvivenza assicurata. E’ l’obiettivo del “Kit del detenuto”, riservato ai reclusi in uscita dalle carceri romane; un’iniziativa dell’assessorato alle Politiche Sociali.

Ieri, a Regina Coeli, sono stati consegnati i primi 200 degli 800 kit in distribuzione. Nello zaino, l’ex detenuto trova l’occorrente per le prime ore di libertà: una mappa dei trasporti romani e 5 Bit [biglietti metro e/o bus, ndr], 4 buoni pasto, prodotti per l’igiene personale, una t-shirt, una scheda telefonica, la guida “Dove mangiare, dormire e lavarsi”, elaborata dalla Comunità di Sant’Egidio e un libretto di informazioni e numeri utili in quattro lingue.

Per gli ex detenuti residenti fuori Roma, le Ferrovie dello Stato mettono a disposizione biglietti verso le località di residenza. “Un’iniziativa che anche nei prossimi anni vedrà Atac impegnata in prima linea” – ha annunciato il presidente Mauro Calamante.


Comments are closed.