La violenza sulle donne

Da Ansa.it

VIOLENZA SESSUALE: SUBITA DA PIU’ DI MEZZO MILIONE DI DONNE IN TALIA

ROMA – Sono piu’ di mezzo milione (520 mila) le donne tra i 14 e i 59 anni che nel corso della vita hanno subito uno stupro o un tentativo di stupro: si tratta del 2,9% del totale delle donne della stessa eta’. Oltre la meta’, nello specifico 9 milioni 860 mila, pari al 55,2%, invece, sono state vittime di almeno una molestia a sfondo sessuale. Autori delle violenze sono per lo piu’ persone conosciute, soprattutto amici ma anche datori e colleghi di lavoro e fidanzati, i luoghi piu’ a rischio quelli familiari: proprio qui, tra casa e posto di lavoro, oltre il 43,8% delle donne che ha subito una violenza tentata o consumata ha vissuto il proprio dramma.

E’ quanto emerge da una indagine sulle violenze e le molestie sessuali subite dalle donne nel corso della vita e nei tre anni precedenti l’intervista, condotta dall’Istat, i cui dati sono stati diffusi on-line, a causa della mobilitazione in corso all’Istat che ha bloccato la prevista conferenza stampa di presentazione. L’indagine, nell’ambito della ricerca multiscopo ”Sicurezza dei cittadini”, e’ stata condotta selezionando un campione di 60 mila famiglie per un totale di 22 mila 759 donne di eta’ compresa tra i 14 e i 59 anni ed e’ stata effettuata telefonicamente nel 2002.

Il 24,2% delle donne abusate nel corso della vita (e il 29,4% di quelle che lo sono state negli ultimi tre anni) ha subito piu’ volte violenze dalla stessa persona. Soltanto il 7,4% delle vittime di uno stupro o di un tentato stupro ha denunciato il fatto (il 9,3% di chi lo ha subito negli ultimi tre anni). (Quanto alle violenze sessuali tentate o consumate, sempre sulla base dell’indagine Istat, sono 118 mila (0,7%) le donne che ne hanno subita almeno una nei tre anni precedenti l’intervista. In generale, hanno tra i 25 e i 44 anni coloro che piu’ frequentemente hanno subito una violenza nel corso della vita (3,6%) contro l’1,9% delle piu’ giovani.

Gli autori, contrariamente a quelli delle molestie, sono soprattutto persone conosciute, se non addirittura intime, delle vittime: nel corso della vita, solo il 18,3% delle vittime e’ stata violentata da un estraneo e il 14,2% da un conoscente di vista. Per il resto sono gli amici ad essere piu’ frequentemente i violentatori (23,5%), seguiti dai datori o colleghi di lavoro (15,3%), dai fidanzati/ex fidanzati (6,5%), dai coniugi/ex coniugi (5,3%). Di conseguenza, per le donne i luoghi piu’ a rischio sono proprio quelli piu’ familiari: il 15,8% delle vittime ha subito violenza, tentata o consumata, a casa propria o negli spazi attinenti, l’11,8% al lavoro o negli spazi circostanti, il 9,3% a casa di amici, di parenti o di conoscenti e un ulteriore 6,9% a casa dello stesso aggressore.

Una violenza, quella sessuale, che viene definita grave dall’84,7% delle vittime e molto grave dal 57,6% ma di cui quasi un terzo non parla con nessuno. Dopo averla subita, avvengono tuttavia mutamenti di atteggiamento soprattutto in chiave relazionale: quasi la meta’ delle vittime (48,9%) ha infatti dichiarato di essere diventata piu’ fredda e piu’ razionale.

Per quanto riguarda le molestie sessuali, quelle verbali e le telefonate oscene sono le piu’ diffuse (rispettivamente il 25,8% e il 24,8% delle donne tra i 14-59 anni), seguono gli episodi di pedinamento e gli atti di esibizionismo (entrambi quasi il 23%) e le molestie fisiche che raggiungono quasi il 20%. Nei tre anni precedenti l’intervista le piu’ a rischio sono risultate le giovanissime (14-24 anni), nel corso della vita le donne di 25-44 anni.

Prendendo in considerazione solo le molestie fisiche, ovvero quando la donna e’ stata avvicinata, toccata o baciata contro la sua volonta’, si nota che la maggior parte sono perpetrate da estranei o conoscenti: il 58,2% sono state fatte da estranei e l’11,8% da persone che si conoscono di vista. Cio’ accade piu’ frequentemente sui mezzi di trasporto pubblici (31,6%), in strada (19%), sul posto di lavoro (12,1%) e nei locali come discoteca, pub, bar o ristorante (10,5%); meno frequentemente in casa sia propria sia di amici. Anche in questo caso, le molestie fisiche sono ritenute molto o abbastanza gravi dal 69,6% delle vittime.


Comments are closed.