Scandalo “Immacolata contraccezione”, ritirata pubblicità

Da agi.it

Londra, 7 dic. – La pubblicita’ natalizia per un pillola del giorno dopo ha sollevato un’ondata di polemiche in Gran Bretagna, tanto che la casa farmaceutica produttrice del contraccettivo e’ stata costretta a ritirare i manifesti. Sulla controversa campagna, accusata di offendere i sentimenti religiosi dei cattolici per il gioco di parole ‘immacolata contraccezione’, ha aperto un’inchiesta formale l’Autorita’ per gli standard pubblicitari (Asa). Il messaggio che la Schering Health Care, filiale inglese della tedesca Schering, voleva lanciare e’ che nessun mezzo contraccettivo e’ del tutto sicuro e che in caso di necessita’ si puo’ comunque ricorrere alla ‘Levonelle One Step’, la sua pillola del giorno dopo. Tutto pero’ era reso partendo da uno dei pilastri della fede cattolica: l’immacolata concezione, un dogma fissato da papa Pio IX e di cui proprio in questi giorni si celebra il 150.mo anniversario. In molti treni dalla metropolitana di Londra nei giorni scorsi sono apparsi cartelloni con su scritto: “Immacolata contraccezione? Magari. Puo’ anche essere Natale, ma i condom continuano a rompersi e voi a dimenticarvi la pillola. Cosi’, se i contraccettivi vi lasciano a piedi, chiedete al vostro farmacista Levonelle One Step”. Lo slogan non e’ piaciuto a molti gruppi cattolici, tanto che l’Asa ha ricevuto 109 denunce. La Schering e’ subito corsa ai ripari e oltre a far staccare i poster ha diffuso un comunicato di scuse: “Abbiamo scelto questa linea in quanto produttori con senso di responsabilita’, in ragione delle preoccupazioni che ci sono state espresse in materia di religione”, si legge nella nota, “questa pubblicita’ voleva giocare sulle parole per chiarire che non esiste una ‘contraccezione immacolata’”.


Comments are closed.