Dalla Cecenia con orrore

Apprendiamo dall’agenzia ANSA che "L’Onu ha fermamente condannato la presa in ostaggio delle circa 300 persone in Russia e chiesto la loro liberazione immediata. In una dichiarazione il presidente del Consiglio di sicurezza, l’ambasciatore spagnolo all’Onu Yanez-Barnuevo, esprime ‘condanna nei termini piu’ fermi per la presa di ostaggi nella scuola, cosi’ come per gli altri recenti attacchi terroristici contro civili innocenti a Mosca e a bordo dei due aerei russi che hanno provocato morti e feriti’." Che ne pensa, quest’ONU ipocrita e declamatoria, quest’ONU che accusa di qua e condanna di là, dell’appello radicale per un’amministrazione controllata delle Nazioni Unite in Cecenia? Ha paura di prendersi le sue responsabilità? Ha paura di pestare i piedi all’amico Putin? Che ne pensa, quest’ONU che a ogni pié sospinto condanna i tentativi di autodifesa di Israele, di condannare per una volta la Russia? Che ne pensa di occuparsi anche delle vittime di conflitti cui non prendono parte né americani né ebrei? che ne pensa di uscire dalla spirale antidemocratica in cui è precipitata, di smetterla di essere debole coi forti e forte coi deboli? A presto per ulteriori aggiornamenti Marianna Mascioletti


Comments are closed.