Le proposte e le risposte di Generazione L

Enrico ci scrive: non riesco a capire se siete un’altra faccia dell’A.R.G. , se siate un’altra cosa tipo"giovaniradicali", nè capisco se esiste la possibilità – oltre che di contattarvi- sostenere la vostra associazione… se esiste una tessera associativa… insomma per essere chiaro forse il sito- e la proposta- è un po’ confusa, ma comunque ci credo molto e mi piace…. enrico81

Risposta di Valeria Manieri …Beh, caro Enrico…vuoi proprio farci venire delle crisi di identità?!!…:-))) ti ringrazio per l’apprezzamento, ma il nostro intento è proprio quello di non diventare una vera e propria associazione, per lo meno non al momento.. altrimenti saresti subito "impecettato", etichettato come una sorta di associazione “gggiovane” o peggio sezione giovanile, tipo "credere obbedire combattere"..ci manteniamo sul filone "ragazzi volenterosi" alle prese con la causa radicale e radicali e creatori di un progetto multimediale -giornale compreso, sito e trasmissione- che informi sui quei temi radicali e non,ove "non batte il sole "..e perchè no, anche crearne dei nuovi, porre nuove problematiche e metodi per affrontarli…Principalmente ci siamo creati un metodo tutto nostro, talvolta apprezzato, talvolta discusso e forse confusionario: agire, in fretta, fare, rischiare, dire sempre come la si pensa…ed è da questa necessità comunicativa che è nato tutto questo..e dalla volontà di dimostrare che i ragazzi non sono tutti o fascisti o comunisti , o disinteressati alle “cose politiche e non”..è una finestra aperta ad un dialogo continuo.Né una associazione, né una elite… siamo un mezzo, semplicemente un mezzo nelle vostre mani..potete “usarci” come meglio ritenete, il giornale, il sito, la trasmissione..un mezzo che gode di freschezza tutta giovanile e anche impulsività caciarona certo…ma è indispensabile talvolta anche questo..mai prendersi troppo sul serio…noi ci crediamo però in quello che facciamo questo è l’importante e continuiamo così… con i contatti che speriamo di allargare, nuovi amici, nuove iniziative, il referendum che speriamo poter portare a casa…insomma tutto parte con la speranza di poter gridare “ce l’abbiamo fatta”, e con la convinzione di poter fare , seppur nel nostro microcosmo qualcosa di utile, per tutti noi. insomma siamo "ruspanti" e propositivi..spero basti al momento…poi chissà..vedremo cosa sarà necessario fare, per organizzarsi al meglio.. La cosa che chiediamo, a chiunque volesse sostenerci con fiori o opere di bene,non è quella di iscriversi ad alcunchè, ma di prenotare copie del giornale da distribuire nel proprio centro, e possibilmente contribuire alle spese, anche simbolicamente. Del resto già stiamo preparando il nuovo numero per la riapertura a fine settembre dei corsi universitari e delle scuole.Il tema trattato sarà: "Guerre e genocidi: i mondi perduti"..Questa è la traccia che diamo a tutti voi, vi preghiamo di farci pervenire articoli e proposte..anche sul titolo principale, al momento ancora provvisorio. Naturalmente si spazierà dal problema ceceno, ai Montagnards, al Sudan, all’Iraq…non solo, ma seguiremo gli sviluppi dell’importante convocazione di "Non c’è Pace senza Giustizia " a Dubai, per inaugurare e partecipare alla formazione dei nuovi giuristi e magistrati iracheni. Ci occupiamo un pò di tutto, secondo le urgenze e le opportunità di porre l’attenzione su un determinato argomento.Anzi ,ne approfitto per rispondere a te caro Enrico(spero che non ti dispiaccia se lo faccio direttamente dal sito) per invitare tutti i "visitatori" e sostenitori di generazione L a darci una mano, continuare a scrivere per il sito e per il giornale e vi invitiamo ad aiutarci ad estendere la rete… Grazie Enrico e a tutti voi che ci seguite passo passo..continuate e unitevi a noi! Valeria Manieri


Comments are closed.