Generazione “L”

Il nostro nome e tutto il nostro impegno

Generazione L è un’associazione giovane. Giovane perché composta da ragazzi poco più che ventenni e giovane perché questo è il pubblico a cui si rivolge. Le nostre iniziative, le nostre attenzioni, le nostre pubblicazioni vogliono essere un punto di vista liberale diverso dal solito. Tutti gli altri hanno sempre fatto sui giovani una retorica disgustosa e la politica troppo spesso non ha fatto altro che sfruttare i ragazzi che si avvicinavano ai partiti e quelli che li votavano fiduciosi. Noi no. Vivremo, probabilmente, oltre i novant’anni di media, ma in condizioni sociali, economiche, civili lontane da quelle di tanti altri cittadini d’Europa e non solo. A meno che ne prendiamo insieme coscienza e lottiamo per cambiare il corso delle cose. La scuola fa pena e disastri. Un esercito di “pensionati di (falsa) anzianità”, di cinquantenni, fornisce in nero il lavoro che spetterebbe ai giovani, sui quali, se e quando saranno “occupati”, graveranno contribuiti previdenziali (che si aggiungono a tutte le altre tasse) pari al 30% dello stipendio. Lo dicono i Nobel dell’Economia, lo dicono tutti gli economisti: le attuali regole –cioè le leggi- sulle pensioni e sul mercato del lavoro penalizzano pesantemente le giovani generazioni. Giovani che pagano contributi esorbitanti per finanziare le attuali pensioni e riceveranno –se va bene- pensioni pari alla metà di quelle attuali. Giovani che non riescono a trovare lavoro a causa di regole troppo rigide, fatte per garantire chi il lavoro già ce l’ha e che scoraggiano le assunzioni. Anche sul piano morale, civile, di costume i giovani sono minoranza oppressa, senza diritti e anche senza dignità. I nostri predecessori hanno ottenuto, con le loro lotte e le loro scelte, importanti vittorie liberali. E, di quelle liberazioni, oggi tutti sono fieri (anche quanti furono, magari, contrari al momento delle scelte). Vogliamo legalizzare i diritti d’impresa, di lavoro, di libertà individuali, lo riteniamo urgente e necessario, vitale per la nostra generazione più che per ogni altra. Ma Generazione L non è solo un sito, è molto di più. E’ un luogo d’incontro, un laboratorio di idee liberali. Siamo presenti in Italia attraverso Radio Radicale, attraverso il nostro giornale e con le nostre iniziative culturali. Nelle scuole, nelle università, nelle discoteche e ovunque ci sono giovani organiziamo dibattiti, incontri con personaggi della politica, del giornalismo, della cultura e dello spettacolo, con l’impegno di portare le idee liberali laddove esiste oggi ancora solo il “rosso” o il “nero”. Vuoi partecipare anche tu?


Comments are closed.