Ricerca scientifica: Onorevole Rutelli, nulla da dichiarare?

Faremo del nostro meglio per intervenire al convegno organizzato oggi, 28/04/2004, nella facoltà di Economia di Roma Tre sull’argomento “Università, Ricerca, Diritto allo Studio. Quale futuro?”
Tra i relatori, indovinate un po’ chi c’è?
Ma sì, solo lui, sempre lui, proprio lui, nient’altro che lui, anche lui…
…colui al quale non è bastato fare “coppia di fatto” con Schifani nell’approvazione della legge sulla fecondazione assistita e ricevere per questo in dono dai Radicali un utilissimo manganello corredato da un ancor più utile aspersorio; colui il quale rispondeva a Luca Coscioni, candidato radicale alle politiche del 2001 e malato di SLA, che il tema della libertà di ricerca e di cura era “un problema di coscienza”; colui che sembra aver perfettamente assimilato il concetto del “Come si cambia per non morire/come si cambia per ricominciare…”.
Francesco Rutelli, insomma.

Noi di Generazione L ci saremo, e tenteremo di fare qualche “domandina ad effetto” al nostro eroe. Sempre ammesso (e non concesso) che ci sia possibilità di dibattito, che il convegno non si riduca soltanto ad una squallida vetrina elettorale.

Vorremmo proprio sapere che cosa pensa Rutelli dell’art. 9 della Costituzione della Repubblica italiana, citato anche nel manifesto che annuncia il convegno di domani: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.”.
Vorremmo proprio sapere da lui, che ha sempre una risposta pacata, civile e inutile per tutto e tutti, come affronterebbe il problema della “fuga dei cervelli”
…e speriamo che non ci scappino battutine su dove possa essere fuggito il suo, di cervello.


Comments are closed.