Featured Stories
Ci si vede su Strade
 

Ci si vede su Strade

Come abbiamo annunciato qualche mese fa, Libertiamo passa la staffetta a Strade, giornale uno e bino. Da qualche giorno è on line il sito quotidiano e oggi è uscito il numero zero dell’edizione mensile. La banda di Libertiamo dunque trasloca, insieme ad altri, in uno spazio aperto e politico in un senso meno militante di […]

STRADE, una rivista che non darà la colpa a untori e fornai

Di

di PIERCAMILLO FALASCA – La politica, cioè l’attività della polis, si fa nell’agorà. Ma un’agorà resterebbe il luogo d’incontro di una comunità isolata se non ci fossero delle strade a congiungerla con altre agorà. Senza strade non c’è scambio, non c’è commercio e non c’è libertà. Le strade segnano la storia, noi siamo le nostre […]

Continua a leggere

Inserito in Articolo finale, Capitale umano6 Commenti

Alfano. Ed è subito sera

Di

- Mentre gli analisti analizzano il potenziale “diversamente berlusconiano” di Alfano e le possibili conseguenze della sua rottura sugli assetti del centro-destra del futuro, il quid di lotta e di governo del PdL presente rimanda alle parole d’ordine e allo stile del caro leader e non se ne discosta.

Continua a leggere

Inserito in Capitale umano1 Commento

Aprire le frontiere per le merci, pugno duro contro la tratta dei disperati

Di

L’ottimo blog Fortress Europe ci informa che dal 1988 fino a ieri 3 ottobre 2013, le vittime attestate della tragedia degli sbarchi clandestini sulle coste meridionali dell’Europa sono 19.142. A queste andrebbero aggiunte tutte le vittime di cui non abbiamo e non avremo mai notizie, militi ignoti di una guerra che milioni di persone combattono […]

Continua a leggere

Inserito in Archivio Evidenza, Il mondo e noiCommenti disabilitati

I talk show sono in crisi e la politica non si sente tanto bene

Di

-I talk show politici sono in crisi e, che si convenga sull’affermazione ovvero la si reputi infondata, appare a tutti comunque evidente che qualcosa è cambiato, in meglio o in peggio a seconda dei punti di vista. Tali programmi costituiscono, per chi si ricorda, l’evoluzione della tribune politiche o elettorali che Jader Jacobelli moderava in […]

Continua a leggere

Inserito in Capitale umanoCommenti disabilitati

Una quasi-crisi, una quasi-fiducia e una quasi-nuova maggioranza. Sarebbe questa la “svolta”?

Di

- La quasi-crisi minacciata da Berlusconi è finita nella farsa della quasi-fiducia riaccordata a un esecutivo ormai ufficialmente nemico, che il Cav. non ha ufficialmente mollato, per non mollare Alfano e C. o, meglio, per non farsene mollare. Ieri si è visto un Berlusconi inedito, che non butta fuori gli scissionisti, ma si butta dentro […]

Continua a leggere

Inserito in Capitale umano7 Commenti

Euroscetticismo antipopulista. “Libera Europa”, le ragioni di un no liberale a un superstato continentale

Di

- Insieme ad alcuni amici di idee liberali, libertarie e liberalconservatici sto dando vita a una nuova iniziativa politica. Si tratta di “Libera Europa”, un movimento che si propone di contrastare il progetto dell’”Europa politica” – di un superstato continentale con capitale Bruxelles – e di lanciare invece una prospettiva di Europa che riparta dal […]

Continua a leggere

Inserito in Capitale umano6 Commenti

Isole disabitate, tra abbandono e sfruttamento

Di

- Montecristo è la più remota delle isole dell’arcipelago toscano. Un enorme scoglio battuto dal vento, appena sedici chilometri di coste a picco sul mare. Vegetazione bassa, qualche leccio e diverse essenze importate nel XIX secolo, concentrate nei pressi di Cala Maestra. L’unico approdo all’isola. Su una delle vette più alte, a oltre trecento metri […]

Continua a leggere

Inserito in Più Azzurro, Più Verde1 Commento

“Tutta colpa della Santanchè”. La mission impossible di difendere il berlusconismo ideale da quello reale

Di

- In questo Paese sono svariati milioni gli elettori “diversamente berlusconiani”, che hanno smesso di votare il Cav. e soprattutto di credergli. Ci sono cioè milioni di italiani per cui Berlusconi è stato un mezzo, alla prova dei fatti inefficiente, e non un fine e che sono dunque refrattari sia alla criminalizzazione del consenso – […]

Continua a leggere

Inserito in Partiti e Stato1 Commento

La grande distrazione. Così l’Italia lotta contro la realtà

Di

- L’economia non accenna a dare segnali di miglioramento, la pressione fiscale è ai massimi storici e il deficit appare destinato a infrangere il muro consentito del 3% entro la fine dell’anno. Le imprese continuano a chiudere, i dati sull’occupazione sono sconfortanti e gli osservatori internazionali guardano all’Italia come la peggior avventura in cui un […]

Continua a leggere

Inserito in Capitale umano5 Commenti

Milano, l’Expo non compenserà l’abbandono

Di

- A Milano la città continua a crescere. Lasciando nell’oblio molto di quello che esiste, abbandonato. Si preferisce consumare periferia più che riqualificare  zone abbandonate in centro. Costa meno. I numeri dell’occupazione da parte delle costruzioni sono eloquenti. Nel 1999  la superficie urbanizzata  era di 13.557 ettari. Nel 2009 è arrivata a 14.325 ettari. La […]

Continua a leggere

Inserito in Economia e mercato1 Commento

Telecom, Alitalia. Capitani coraggiosi e banchieri patriottici. La chiamavano “italianità”

Di

- Dell’italianità di Telecom, come di quella di Alitalia, si può dire a conti fatti che tra il concetto e l’oggetto e tra le promesse del prima e i risultati del dopo c’è stata una bella e prevedibile differenza. I cosiddetti “campioni nazionali”, che la nostra democrazia e economia di relazione non ha difeso, ma […]

Continua a leggere

Inserito in Capitale umano, Economia e mercato, Partiti e Stato1 Commento